My personal view on #meltingpoint2014

meltingpoint-1

It was more than an escape, planning to leave for Valencia and the #meltingpoint2014 expierience, just few days after the full immersion in the Gioielli in Fermento IV edition opening.

It has been a real experience to drop into the circuit that EASD School of jewellery design (Departament de Joieria ) organises every two years. I could not miss it.
The idea originated two years ago to bring back to Valencia the whole exhibition project they show for Schmuck 2012 and with the involvement of other European schools of jewellery (Escola Massana and Escola d’Art del Treball from Barcelona, Alchimia from Florence Italy, EAD Tarragona, ArCo Lisbona, HEAR Strasbourg, AFAD Bratislava, University of Lincoln, Maden Studio Istanbul, Ecole Boulle Paris, Moholy-Nagy University of A.D. Budapest, EA Murcia, ESAD Matosinhos) and the support of other connected projects and artists participations. And from then on, for the second edition.

The program was really interesting. What works so fine was the perfect spreading of showcasing as a real melting-point result through the ciutat vella. The historical city center of Valencia seems to be the ideal place to welcome the network of the presentations of mp2014. This city is magic. And it has embraced artjewellery with real magic.
The basis is the EASD exhibition center with a nice and fresh program of speeches; I could attend some of them, with the chance of getting into the work and the point of view of the artist, told by themselves (Florence Lehmann  donated a great panoramic on her work, as well as Doris Maninger with her vision to involve in jewellery research) but also talking in person with many of them in front of a cup of coffee or a during a pause from exhibition, or during the final dinner.

In any cases that was a great value. Most of the times it happens you read about the work of the artist, you read about their statements, but any interpretation and any real expression of their works become much more involving when meeting them in person and talk to them without artificial barriers, just reading the light they have in their eyes while  speaking of their projects.

Passion. Pasiòn. Expressing all my appreciation to Carlos and Antonio (Antonio Sanchez Garcia and Carlos Pastor with all the  mp2014 organisers), and to their students, the meaning of this word – passion – comes out at first.
Because I do know what put all this together could mean. At least three municipal location involved (the amazing polyfunctional Centre del Carme with its huge and well conserved spaces for any kind of exhibition; the Museo de la Ciudad for the historical and traditional memory on jewellery; the great pairing between the excellence of Valencia Museo Nacional de Ceramica, a worldwide point of attraction, and the cutting edge in artjewellery to show contrast and new challenges for future approaches.  In addition to this, many collectives of artists coming from all over Europe (here the whole program with some exhibiting till advanced june).

It is really easy to get mad discovering all the different ways to involve people to get nearer the state of the art in jewellery: the tools, the video clips, the performances, the matching with open studios, litterally kinds of wunderkammer as it is the Taller de Pepe March for las Joyas Sensasionales or Fabrika 12 (the fantastic studio of Fuencisla Francés hosting Tempus Refugit) and for Munich Academy of Fine Arts students and Alchimia students  showcasing, or the unordinary site of las Joyas del Corona.
I’ll let You discover all of them online, simply search for #meltingpoint2014 #easdvalencia joyeria jewellery //

i.m.h.o
what I liked most: Valencia and its jewellery designers 🙂 any doubt?
what I appreciated as freshest: the real involvment of Andrea Coderch talking lively as a spanish girl visiting Japan in an excellent, short and smart speech
what I would examin in depth: to consider the element of community when designing a project of jewellery – I found both the means of the cadavre exquis presented to link inspirations to the works of Joyas Sensationales and the explanation of the collection of F.Lehmann Domino Spektrum – two examples very interesting on the concept of involving the future wearers of the pieces, in an effort to build a kind of netwok on the affinità elettive (elective affinities?) we find between one each other.
what really amazed me:  the nice conservation project of the Centre del Carme and its wide spaces offering different opportunity of showcasing in a space made out of time where breathing the involvement in all historical ages till the contemporary
which piece left me its poetry: pendant by Diana Pantea (I&You will find out more about her work!), first year at Alchimia and the collective works by Quars d’Una
which auspice for the future:  it is a common thought, which I constantly express and which I’m working for:
to make this brilliant effort more visible, it must go out of the schools, not only for students and passionates to meet each other, but to let know people that other kind of jewellery  does exist, to let approach curious and sensitive public to our pieces, to let them discover they can afford to wear them and even to buy them ! To meet common feelings and affinità elettive… Not only among the few of us but to a wider group of people searching for an intimate and own philosophy of adornment. I think many could appreciate all this, they are simply to be reached, out there.

photogallery

Ben più che una fuga, quella di partire per Valencia e capire cosa è #meltingpoint2014, a pochi giorni dal coinvolgimento totale che mi ha provocato  l’inaugurazione della IV edizione di GiF.
È stata una vera esperienza scoprire il circuito che EASD la Scuola di design del gioiello a Valencia organizza ogni due anni. Non potevo perdermela. 

L’idea è nata due anni fa per riportare a Valencia il progetto dell’intera collettiva delle scuole spagnole a Schmuck 2012 e coinvolgendo poi altre scuole europee (Escola Massana e Art Escola del Treball da Barcellona, Alchimia da Firenze Italia EAD Tarragona, ArCo Lisbona, HEAR Strasburgo, AFAD Bratislava, Università di Lincoln, Maden Istanbul, Ecole Boulle Parigi, Moholy-Nagy Università di A.D. Budapest, EA Murcia, ESAD Matosinhos) e il supporto di altri progetti collegati e importanti partecipazioni. E da lì, ora la seconda edizione.

Il programma è stato davvero interessante. Quello che ha funzionato così bene è stata questa vetrina diffusa alla perfezione, come risultato di un  vero punto di fusione (melting-point) per tutta la ciutat vella. Il centro storico della città di Valencia sembra essere il luogo ideale per accogliere la rete delle mostre di mp2014. Questa città è magica. Ha accolto l’artjewellery con vera magia.

La base era il centro espositivo di EASD con un programma di conferenze piacevole e frizzante; ho potuto seguirne alcuni, con l’opportunità di conoscere il lavoro e il punto di vista degli artisti che si sono raccontati (Florence Lehmann, ad es, ci ha donato una grande panoramica sul suo lavoro, e Doris Maninger, la sua visione coinvolgente di ricerca sul gioiello) e ho avuto anche l’occasione di parlare di persona con alcuni di loro davanti ad una tazza di caffè o durante una pausa dalle mostre e durante la cena finale.

Ed è stato un grande valore. Normalmente di legge del lavoro dell’artista, i loro statement, ma ogni interpretazione e reale racconto delle loro opere diventano molto più coinvolgenti quando ci si può incontrare di persona e parlare con loro senza barriere artificiali, ma solo leggendo la luce che  hanno negli occhi mentre parlano dei loro progetti.

Passione. Pasiòn. Mentre esprimo tutto il mio apprezzamento a Carlos e Antonio (Antonio Sanchez Garcia e Carlos Pastor con tutti gli organizzatori del mp2014) e ai loro studenti, il significato di questa parola – passione – si percepisce immediatamente. Perché so cosa significa mettere insieme tutto questo. Almeno tre istituzioni municipali coinvolte (il sorprendente centro espositivo del Carme con i suoi spazi enormi e ben conservati, adatti a vari tipi di mostre, il Museo de la Ciudad coinvolto per la parte sulla memoria storica e tradizionale del gioiello; infine l’abbinamento straordinario tra i tesori del Museo Nacional de Ceramica, e il contrasto dato dalle più significative espressioni dell’ art jewellery a dimostrazione di nuove sfide future). Oltre a questo, molti collettivi di artisti provenienti da tutta Europa (qui l’intero programma con alcune date che proseguono fino a giugno).

È davvero sorprendente scoprire il tentativo di avvicinare in tutti i modi al gioiello contemporaneo: attrezzature, videoclip, performance, allestimenti combinati in studi e laboratori, vere e proprie wunderkammer, come il Taller di Pepe March con le  Joyas Sensasionales o Fabrika 12 (il fantastico studio di Fuencisla Francés che ha ospitato Tempus Refugit) e con i lavori di alcuni studenti dell’Accademia di Belle Arti di Monaco e  quelli di Alchimia con il loro Garden, o ancora lo straordinario sito allestito  per le Joyas del Corona.

Vi lascio scoprire tutti quanti on-line, basta cercare #meltingpoint2014 #easdvalencia joyeria jewellery 
i.m.h.o (pareri del tutto personali) :
quello che mi è piaciuto: Valencia e i suoi designer di gioielli 🙂 si è capito?
ciò che mi è sembrato più fresco: la spontaneità e vivacità di Andrea Coderch che si racconta, ragazza spagnola in visita in Giappone, in una presentazione eccellente, breve e intelligente
ciò che vorrei approfondire: prendere in considerazione il fattore di community nel progetto di un gioiello/di una collezione – ho trovato sia il sistema del cadavere-squisito presentato per collegare le ispirazioni delle Joyas Sensationales e che il racconto della collezione di F.Lehmann Domino Spektrum – due esempi molto interessanti sul concetto di coinvolgere e “legare” chi indosserà le opere create secondo uno specifico criterio di relazione, nel tentativo di costruire una sorta di rete sulle affinità elettive di ciascuno.
ciò che mi ha davvero colpito: il progetto di conservazione del centro del Carme e suoi ampi spazi che offrono diverse opportunità espositive in uno spazio fuori del tempo dove si respira da tutte le epoche storiche fino al contemporaneo
il pezzo che mi ha lasciato la sua poesia: il pendente di Diana .., primo anno presso Alchimia  (troverò/troverete più informazioni sul suo lavoro!), e il progetto del collettivo Quars d’una.
quale auspicio per il futuro: il pensiero è sempre quello, che esprimo costantemente e per cui sto lavorando:
rendere questo sforzo brillante più visibile, che deve uscire dalle scuole, non solo per far incontrare studenti e appassionati, ma per far conoscere al pubblico che esistono altri tipi di gioielli, di consentire a persone curiose e sensibili di avvicinare i nostri lavori, per far loro scoprire che possono permettersi di indossarli e persino di comprarli! Per soddisfare sentimenti comuni e affinità elettive… Non solo tra alcuni di noi, ma a un numero sempre maggiore di persone alla ricerca di un’intima e propria filosofia d’ornamento. Penso che molti potrebbero apprezzare tutto questo, sono semplicemente da raggiungere, là fuori.
Annunci

3 risposte a “My personal view on #meltingpoint2014

  1. Pingback: Alchimic Gardens Report | Alchimia Blog·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...